logo

di Magda Minotti

PROVERBI DI OTTOBRE

Quando a ottobre scurisce e tuona,
l’invernata sarà buona, guarda in su
ma non sperar che venga Gesù.

O soi Otubar strac,
cjapi il lievri e il corvat.

Dibot in Otubar
si cjape il luiar.

A sante Terese (1/10)
prepare la tese.

Per san Francesco (4/10)
la nespola nel cesto.

A san Francesco
i pomi nel cesto.

A san Bruneto (6/10)
il vino nel fiascheto

Sant Serafin (12/10)
cjastinis e un bocâl di vin.

Ai dodis (12/10) al è sant Serafin:
cjastinis e bon vin.

A santa Teresa(15/10)
i tordi a distesa.

Sant Luche (18/10), sant Bovo cun sant Florian,
protezêt la stale dut l'an!

Sant Luche
puarte vie la merindute.

A san Luca
le nespole  i speluca.

O molle o asciutto
per san Luca si semina tutto.

Sut o bagnât,
par sant Luche che al sedi semenât.

Sant Simon ( 28/10)
al da la clâf al so paron.

A san Simone
la roba dentro il portone.

Per san Simone
il galletto si fa capone.

Per san Simone
stacca i buoi dal timone.

A sant Simon le bore a tasson
e le manere a cason.

A Sant Simon e Gjude, la rave ven madure:
o madure o no madure, si la met sot sieradure.

A sant Simon
va la odule tes rês a tombolon!