logo

di Magda Minotti

A cura di Magda Minotti

Affresco di ignoto del XV secolo
chiesetta di san Pietro di Povoletto (UD)


Gennaio:
  i nonni lo  ricordavano così …

Gennaio ingenera,
febbraio intenera
e marzo imboccia.

Gennaio ovaio.

In Zenâr
la gjaline tal gjalinâr.

Un bon genaro?
Se vendica febraro.

Zenâr clip,
Vierte tarde.

Chi vol un bon aio
lo devi impiantar a genaio.

Fredo secco de zenaro,
sachi pieni nel granaro
ma non dargheo ai parenti,
nè ai ministri competenti.

No desmentegar che al mese de gennaro,
vive ben chi ga el frumento nel granaro.
Se il mês di Zenâr al cor sut,
il contadin al varà dut.

A gennaio tutti i gatti va in gataro.

Chi vuole un buon agliaio, lo ponga di gennaio.

La neve di gennaio diventa sale,
e quella d'aprile farina.

Gennaio fa il ponte
e febbraio lo rompe.

Guardati dalla primavera del gennaio.

Diu nus guardi di un bon Zenâr
par jemplâ il granâr!

Quando canta il picchio di gennaio,
tieni a mano il pagliaio.

Gennaio forte
tutti i vecchi si auguran la morte.

Gennaio secco,
lo villan ricco.

Gennaio e febbraio mettiti il tabarro.

Ogni gatta ha il suo gennaio.

Gennaio e febbraio
empie o vuota il granaio.

A mezzo gennaio,
metti l'operaio.

A mezzo gennaio,
mezzo pane e mezzo pagliaio.

Zenâr e je la puarte dal an.

La ploie di Zenâr e glace in Avrîl.

Il frêt di Zenâr
al cuzie il morar.

In Zenâr
si dopere il tabâr.

Di Pasqua Epifania,
il vento se ne va via.

Di Pasche Tafanie,
il predi si smanie.

A san Bovo (02/01)
si rompe il primo uovo.

Il giorno de san Bovo
i giorni s’è slungà
un passo de lovo,
a sant’Antonio
un passo de demonio,
a san Bastian
te gh’è un’ora in man,
da la Candelora,
i giorni se slongà di un’ora.

Tal il dì di Sant Macari (02/01)
e tal il mês di Setembar.

La Pifanie (06/12),
dutis lis fiestis e puarte vie.

L’Epifania
tutte le feste porta via,
poi arriva san Benedetto
che ne riporta un bel sacchetto.

La Pifania
tutte le feste para via
e santa Maria le raccoglie per la via.

Dopo Pifanie
il frêt al va in Sclavanie.

Di Pasqua Epifania,
il vento se ne va via.

L'Epifania
tute le feste scova via.

Dopo Pifanie
il frêt al va in Sclavanie.

Di Pasche Tafanie,
il predi si smanie.

A Pasche Tafanie
il frêt al va su pe manie.

Aghe sante dai trê Rês
jo ti buti in chest cjamp

jo ti buti in  chest cjaveç,
il Signôr va cjalant
e il demoni va scjampant,
Pari, Fi , Spiritu Sant!

Sants trê Rês miei protetôrs
intercedêt pai miei erôrs,
Sant Gaspar, Melchior e Baldassâr
liberânus di peste e di ogni mâl
vuardânus di fûc e di ogni paura,
perdonânus cheste e ogni ventura!

Sant Julian (09/01) di  Zenâr
al jemple il granâr.

San Modesto (12/01)
il freddo vien nel sesto.

San Mauro (15/01) fa i ponti,
sant’Antonio li rompe,
san Paolo li fonda.

A san Tizian (16/12),
fa un fredo can.

Sant Tizian:
il frêt cui dincj di cjan.

San Tissian
dal fredo ghe casca i denti al can.

Da san Tizian
un altro palmo di man.

Sant Antoni (17/01)
la ocje dal paron e scomence a pogni
chê dal puarin.

Sant Antonin,
une ore e un cuartesin.

A Sant Antoni di Zenâr,
une ore bielavuâl.

Sant Antoni abât
al ven cul cjâr cjariât.

Nadâl un pît di gjal,
Prin dal an un pît di cjan,
Pifanie un pît di strie,
Sant Antoni une ore,
Sant Valantin un dôs.

A Sant Antoni de barbe blancje,
se nol plûf la nêf no mancje.

Sant Antoni di Zenâr,
mieze tese e mieç solâr.
Sant Antoni di Zenâr,
mieç fenîl e mieç granâr.

Sant  Antoni e Sant Andree,
il pes al va in sfree.

Sant’Antonio dalla barba bianca,
fammi trovar quel che mi manca.

Sant’Antonio benedetto,
ho perduto quell’oggetto…
quell’oggetto ho ritrovato
sant’Antonio ringraziato…

Sant'Antonio gran freddura,
San Lorenzo(10/08) gran caldura,
l'uno e l'altro poco dura.

Sant’Antonio del deserto
il cuore mio l’è aperto,
la musina l’è pronta,
la mia fiola l’è in ponta,
ti te sé pregare,
fammela sposare!

A Sant Antoni,
il frêt al va in demoni.

Sant’Antonio fa il ponte
e san Paolo lo rompe.

Sant'Antonio da la barba bianca,
se non nevega poco ghe manca.

Se san Antonio col sol la neve indora,
neve e neve ancora…

Santa Liberata (18/01)
fredda l’invernata.

A san Bassian (19/01)
fredo da can,
tempo de sugar ‘l gaban.

Sant Bastian (20/19)
cu la viole in man.

San Sebastian
col scaldaletto in man.

Per san Sebastiano,
un’ora abbiamo.

Per San Bastiano (20 gennaio),
sali il monte e guarda il piano;
se vedi molto, spera poco;
se vedi poco, spera assai.

Sante Agnîs (21/1),
oris dîs.

A sant’Agnese,
mezzo fien e mezze spese.

Sant'Agnese,
il freddo è per le siepi.

Sant’Agnese
il fredo va su per le sese,
ma se le sese no le xe fate,
il fredo el va su par le culate.

Sant Vincenç (22/1),
gran criure.

Se piove a san Vincenzo, de l’ua
vol dir stagion crua.

Par Sante Emerenziane (23/01)
il dì si slungje di une spane.

Sant Pauli Scûr (25/1),
dal Unvier no sin fûr.

Delle Calende non me ne curo,
purché a san Paolo non faccia scuro.

Di nissune albe no mi curi
baste che Sant Pauli no si scuri.

San Paolo chiaro e Ceriola (02/02) scura
de l’inverno no s’ha paura.

Sant Pauli lusint, paie e forment.

A Sant Pauli, a Sant Paulon
taie lis vîts: no stâ indaûr cu la stagjon!

A santa Gioconda (29/01)
il freddo abbonda.

Santa Gioconda: i giorni della merla
il freddo sì che sberla.

Se a santa Martina (30/01) la calandrina canta,

la viola davver non manca.